Cosa fare se si allaga la casa?

I danni causati dall’acqua possono avere conseguenze significative sia da un punto di vista strutturale che economico. Quando si allaga la casa è importante intervenire tempestivamente chiamando immediatamente il pronto intervento idraulico per  ridurre al minimo l’impatto del danno.

pronto-intervento-idraulico-idroboss-h24

Quando si allaga una casa a seguito di una rottura di un tubo della lavastoviglie o della caldaia è importante intervenire tempestivamente chiamando immediatamente un idraulico professionista, per  ridurre al minimo l’impatto del danno. I danni causati da una perdita d’acqua, infatti, possono avere conseguenze gravi sulla sicurezza della casa ma anche un impatto economico elevato sulle finanze di una famiglia.

Quali sono le cause dell’allagamento in una casa e come intervenire

Le cause dell’allagamento in una casa possono essere molteplici. Tra le più comuni troviamo:

  • perdita di tubature e scarichi;
  • fognature intasate;
  • infiltrazioni dal soffitto o dal muro;
  • scarichi della lavatrice o della lavastoviglie otturati o lesionati.
  • tubi di scarico della lavatrice o della lavastoviglie non collegati in maniera appropriata.

In attesa di un idraulico esperto che ripari il danno, è fondamentale agire immediatamente chiudendo il rubinetto principale di ingresso dell’acqua per evitare ulteriori fuoriuscite. In presenza di acqua è anche buona norma staccare la corrente elettrica e chiudere il gas, facendo attenzione ad avere sempre i piedi asciutti quando si tocca il quadro elettrico o gli elettrodomestici.

In caso di allagamento è necessario rimuovere l’acqua immediatamente, così da evitare che questa si infiltri causando ulteriori danni. Sarebbe buona norma indossare guanti e stivali di gomma durante questa operazione e utilizzare un aspiratore adatto per i liquidi, se si dispone di uno. Se la quantità di acqua è eccessiva allora potrà essere necessario utilizzare un’elettropompa ricorrendo quindi al pronto intervento idraulico.

Cosa fare quando si allaga la cantina

Ad allagarsi non sono solo le case, ma anche le cantine, i garage, i seminterrati. In questi casi l’acqua verosimilmente arriva dal basso. Una delle principali cause di questi allagamenti può essere una falda non isolata che si gonfia a causa di forti precipitazioni o del disgelo. L’acqua quindi sale in superficie raggiungendo i locali interrati o bassi. Un’altra causa può essere la rottura di qualche tubo o per il trabocco dello scarico.

In questi casi può essere sicuramente utile la pompa svuota-cantine, per eliminare rapidamente tutta l’acqua presente. L’elettropompa a immersione, facilmente acquistabile in un negozio specializzato, dovrà essere di acciaio inox, nel modello a combustione o elettrica. Esistono anche modelli manuali meccanici, però le prestazioni offerte sono inferiori. Se devi acquistarne una devi regolarti in base alla portata, cioè il volume di acqua da aspirare, ed alla prevalenza, cioè la capacità di superare il dislivello. Altrimenti,ci si può rivolgere a un idraulico provvisto di attrezzi specifici per eseguire questo genere di operazioni.

Una volta rimossa l’acqua, bisognerà ripulire il locale dal fango e sottoporlo ad un trattamento anti umidità. Sarà probabilmente opportuno valutare un intervento per evitare che il problema si ripresenti in futuro.

Come prevenire l’allagamento in una casa

Per prevenire l’allagamento in una casa è bene fare sempre la dovuta manutenzione. Ad esempio, si possono installare delle barriere protettive, che bloccano l’acqua nel caso di inondazioni, soprattutto quando si abita al piano terra. Queste paratie anti allagamento impediscono all’acqua di entrare e ne esistono di fisse e mobili. È anche utile e consigliato, controllare periodicamente tombini e grondaie per assicurarsi che siano che siano sgombri da terriccio, foglie e detriti, soprattutto in previsione di piogge forti. Un altro accorgimento è quello di realizzare un sistema di deflusso in grado di portare l’acqua piovana lontano dall’abitazione.

Inoltre, la manutenzione è importante anche per gli elettrodomestici, per questo bisogna sempre verificare periodicamente il funzionamento degli scarichi di lavastoviglie e lavatrice, intervenire subito sugli scarichi otturati, avere cura di proteggere gli scarichi di lavabo, lavandino, doccia, vasca mediante appositi filtri, non gettare mai nulla nel wc che non sia carta igienica biodegradabile, chiudere sempre i rubinetti, soprattutto quando si va in vacanza o si è assenti da casa per lungo tempo, evitare di azionare lavastoviglie e lavatrice quando si è fuori casa.

Le perdite occulte

Spesso nelle case si possono verificare anche delle perdite occulte, ovvero non visibili ad occhio nudo, ma che tuttavia possono causare muffe, cattivi odori, macchie sui muri, bollette salate, diminuzione della pressione dell’acqua. Una delle prime cose da fare è verificare che la perdita non sia esterna all’abitazione, come spesso accade, quando ci sono segni di umidità importanti in corrispondenza di muri esterni ma anche di rubinetti, sanitari, elettrodomestici.

Rivolgersi ad un idraulico professionista è comunque la soluzione migliore per individuare, riparare e risolvere qualunque guasto che potrebbe portare ad un allagamento della casa o dei locali seminterrati. Specie in presenza di una assicurazione sulla casa che potrebbe risarcire i danni è fondamentale affidarsi all’idraulico specializzato per certificare i danni e la loro riparazione.

Le ultime dal blog